Guida turistica per Firenze

by Eleonora on

Firenze è una di quelle città dai paesaggi e dalle ricchezze intramontabili. Proprio per questo, si rivela la meta principale per chiunque, sia per un soggiorno breve che per una vacanza più lunga.

Patria e maggior esponente del Rinascimento, rappresenta il luogo natio della lingua italiana e dei poeti più importanti a livello internazionale. Tuttavia, per ammirare e godere a pieno delle bellezze di questa città, è bene conoscere alcuni punti fondamentali che non possono non essere visitati.

Innanzitutto, quando si parla di Firenze non si può non far riferimento alla Galleria degli Uffizi. Si tratta del punto di interesse più visitato e conosciuto, soprattutto per i numerosi quadri e sculture attribuibili agli artisti più rilevanti. I capolavori della pittura sono ordinati e sistemati in senso cronologico, con particolare attenzione al Rinascimento. Imperdibili sono le opere d’arte dei maestri Giotto, Botticelli, Leonardo da Vinci, Michelangelo, Raffaello, Caravaggio e Tiziano. Voluti da Cosimo I De’ Medici nel 1560, gli Uffizi dispongono di una visita guidata per conoscere al meglio tutti i capolavori, seguendo itinerari con spiegazioni dettagliate.

Anche le piazze di Firenze rivestono un ruolo fondamentale.

Piazza del Duomo è indubbiamente il cuore spirituale di questa città italiana. Infatti, ospita la Cattedrale stessa, il Battistero, il Campanile, il Museo dell’Opera del Duomo e Ponte Vecchio. Quest’ultimo risale al 1345 ed è riconosciuto come il ponte in pietra più antico a livello europeo. Su di esso, sorgono locali, palazzi e soprattutto orefici e gioiellerie. Usuale è diventata l’azione di agganciare un lucchetto in segno d’amore, che proprio sul Ponte Vecchio viene sigillato.

Per quanto concerne il Duomo, si fa riferimento alla maestosa ed imponente Cattedrale di Santa Maria del Fiore. Rappresenta, per le dimensioni, uno dei maggiori complessi religiosi a livello internazionale, la cui cupola domina il paesaggio fiorentino. Quest’ultima parte è stata progettata da Brunelleschi, che riposa nella tomba contenuta all’interno di una cripta, scoperta soltanto nel Novecento, della Cattedrale. Gli affreschi riprendono il Giudizio Universale e sono opera di Giorgio Vasari e Federico Zuccari. Risulta possibile salire sulla cupola attraverso i 463 gradini di varie forme. Un’alternativa all’ascesa su quest’ultima consiste nel Campanile di Giotto, meno faticoso con 414 gradini.

Un’altra piazza è quella della Signoria, in cui è situato Palazzo Vecchio, con esposta la copia del David di Michelangelo. Infatti, la scultura originale è custodita nella Galleria dell’Accademia di Firenze, per ripararla dalle intemperie. La Piazza della Signoria è particolare per la vitalità, in quanto, durante tutto l’anno, si esibiscono in questo luogo gli artisti di strada.

Il capoluogo della Toscana accoglie anche la più grande chiesa francescana a livello mondiale. La Basilica di Santa Croce è considerata il pantheon fiorentino ed ospita ben 300 tombe dei più grandi personaggi, tra cui Michelangelo, Galileo e Machiavelli. Erge sulle fondamenta della cappella dedicata a Francesco d’Assisi ed è completamente affrescata da pittori di rilievo come Brunelleschi, Giotto e Donatello. A questa Basilica francescana, si oppone quella dei domenicani, corrispondente alla Basilica di Santa Maria Novella. Dal punto di vista architettonico, splendenti sono le travi a vista, mentre, per quanto riguarda gli affreschi, sono presenti scene di vita fiorentine del Medioevo.

Infine, per osservare Firenze dall’alto, ci si affida a Piazzale Michelangelo, a sud del fiume Arno. Sulla cima dell’altopiano, è possibile godere di una splendida visuale sul panorama, anche mangiando o passeggiando per i locali presenti.

Written by: Eleonora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *