Scopriamo i prestiti online

by lucaesperto on

La richiesta di prestiti online è determinata da una serie di passaggi, anche in genere risulta molto più semplice rispetto a quella di un finanziamento classico presso una banca fisica. In ogni caso, si tratta di una procedura da seguire in maniera precisa per evitare ogni tipo di inconveniente e per avere la chance di agire in piena sicurezza, con l’opportunità di ricevere la somma pattuita nel giro di un arco di tempo molto rapido.

Prima di scoprire quali sono gli elementi fondamentali che bisogna consegnare ad una qualsiasi banca per poter ottenere il tanto agognato finanziamento online, è necessario effettuare una piccola introduzione riguardo all’argomento. Ormai sempre più persone scelgono di adottare tale formula per i motivi più disparati. Prima di tutto, un utente ha maggiori possibilità di sbloccare il prestito, in quanto le banche fanno richieste meno esagerate sul web. La maggiore accessibilità è sicuramente uno dei validi punti di forza, così come l’opportunità di ricevere una buona somma di denaro in un arco di tempo molto contenuto. Inoltre, su Internet è possibile aggirare una lunga serie di questioni burocratiche di solito fanno dilatare i tempi di realizzazione, rendendo ciascuna transazione finanziaria estremamente lunga e laboriosa. Come si può ben notare, i motivi per intraprendere tale scelta non mancano assolutamente.

Ma cosa serve per prendere un prestito online? Ovviamente, bisogna essere in possesso di determinati documenti fondamentali per qualsiasi operazione. Prima di tutto, ci vuole necessariamente il proprio documento d’identità. Nessuna banca è pronta ad elargire un prestito senza sapere con chi deve avere a che fare. Sembra un discorso basilare, ma diversi inconvenienti si verificano anche in un ambito così elementare. La propria patente, il passaporto o una semplice carta d’identitàpossono risultare perfetti per chi è cittadino italiano, così come vanno bene anche la tessera del ministero e il porto d’armi. I cittadini dell’Unione Europea possono servirsi anche del certificato di attestazione di regolarità di soggiorno o di quello di residenza contrattuale. Infine, coloro che provengono da paesi non appartenenti all’UE, e che quindi vanno considerati extracomunitari, devono presentare il permesso di soggiorno.

In tutti i casi, la procedura per sbloccare un finanziamento online è molto rapida e snella. Non è necessario presentare una serie infinita di garanzie, e neanche stare a perdere troppo tempo con oneri burocratici ben poco simpatici. Tuttavia, non bisogna assolutamente essere iscritti nella lista dei cattivi pagatori. In tale circostanza, il prestito sul web diventa soltanto un’utopia e non bisogna fare altro che lasciar stare. Inoltre, bisogna dimostrare di essere in possesso di un reddito fisso. Per farlo, è necessario presentare un apposito documento che possa mettere in chiaro la situazione. Ad esempio, le ultime buste paga sono ideali per tutti coloro che sono semplici dipendenti di un’azienda di qualsiasi dimensione. Leggermente diverso il discorso inerente ai liberi professionisti. In tali casi, bisogna mostrare ben due documenti di elevata importanza. Il primo è il modello Unico, coadiuvato dalla relativa ricevuta di presentazione. Il secondo corrisponde al modello F24, insieme alla ricevuta di pagamento avvenuto. A tutto questo bisogna aggiungere le opportunità riservate ai richiedenti che versano in condizioni di pensione, che possono servirsi degli ultimi due cedolini o, in alternativa, presentare alla banca online di riferimento il proprio modello Obis.

Oltre a tutta la sequenza di documenti già citata in precedenza, per ottenere il tanto agognato prestito online è necessario mostrare un ultimo elemento tutto da tenere in considerazione. Stiamo parlando del codice fiscale, indispensabile per il riconoscimento della persona che è alla ricerca di una forma di finanziamento conveniente. Il codice è presente sia sull’apposito tesserino che a bordo della propria tessera sanitaria. Infine, l’ultimo fattore da tenere d’occhio prima di intraprendere qualsiasi strada riguarda la coincidenza tra il domicilio e la residenza. Se uno di questi due indirizzi non è uguale a quello presente all’interno del documento di identità, qualsiasi esso sia, alla richiesta è necessario aggiungere un ulteriore documento in grado di dimostrare la veridicità del proprio indirizzo. Una bolletta può venire in soccorso del cliente in questo senso, così come può andare bene il libretto di circolazione e qualsiasi fattura che attesti un determinato acquisto effettuato. In ogni caso, prima di iniziare qualsiasi operazione di prestito online, l’inserimento dei propri dati personali in conformità con le varie leggi sulla privacy è necessario.

 

Written by: lucaesperto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *